Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    "Utilizzando questo sito, accetti che noi e i nostri partner si possa impostare dei cookie per personalizzare i contenuti.

    View e-Privacy Directive Documents

PDF Stampa E-mail

Le trombe degli araldi suoneranno ed
ancora una volta la Sacra Rappresentazione
della Passione di Cristo tornerà a sfilare per
i vicoli e le piazze della nostra città.
Tra le centinaia di rappresentazioni presenti
in Italia, quella di Sezze è senza dubbio una
delle più belle ed antiche. La Passione del
Venerdì Santo, infatti, affonda le sue origini
nel medioevo quando veniva celebrata dalle
confraternite religiose.
La forte risonanza mediatica che ruota
attorno a questo evento, non ne ha
intaccato il forte sentimento popolare che
la caratterizza. Grazie al lavoro costante e
certosino della Macchina Organizzativa,
questa manifestazione ha saputo rinnovarsi
nel tempo, proponendo passi dell’Antico e
Nuovo Testamento poco noti al pubblico,
oltre a quelli più conosciuti, rivisitati dalla
direzione artistica in una nuova chiave di
lettura. Il cammino di crescita compiuto
negli anni dalla Sacra Rappresentazioneha
conferito a Sezze il titolo di Città della
Passione. Voglio ricordare la nostra
presenza Roma, in occasione del Giubileo,
Santiago de Compostela per l’Anno
Giubilare Giacobeo, Assisi per i festeggiamenti
della Pasqua, Latina per l’80°
anniversario della fondazione della città e
del 110° anniversario della morte di S. Maria
Goretti, San Giovanni Rotondo in
occasione dell’ “Anno della Fede”,
proclamato da Sua Santità Benedetto XVI,
ed infine , in ricordo dei 70 anni del
bombardamento dell’Abbazia e dei 50 anni
di nomina, da parte di Papa Paolo VI, di S.
Benedetto Patrono d’Europa.
Ringrazio tutte le istituzioni che continuano
a dimostrare il loro interesse e sostegno
a questo evento, l’Associazione della
Passione di Cristo nella persona del
Presidente Elio Magagnoli, ed il direttore
artistico Piero Formicuccia. La mia stima
più profonda è rivolta soprattutto ai
cittadini di Sezze, che con grande
devozione contribuiscono a conservare
questa bellissima e suggestiva tradizione.
il Sindaco
ANDREA CAMPOLI

E’ con particolare emozione che mi appresto ad annunciare il rinnovato appuntamento con la Sacra Rappresentazione della Passione di Cristo. 
Quella di quest’anno è l’ultima Passione del Venerdì Santo che ho il piacere di vivere in qualità di Sindaco di questa Città, poiché tra pochi mesi si concluderà il mio secondo mandato.
In questo lungo periodo di governo ho visto crescere costantemente la notorietà e la risonanza dell’evento grazie, tra le tante cose, anche alla presenza dello stesso nei luoghi di pellegrinaggio più conosciuti al mondo.
Basti ricordare la partecipazione, lo scorso anno, al Giubileo Straordinario indetto da Papa Francesco a Roma così come nel 2000 e ancor prima nel 1950.
Da non dimenticare, poi, le tappe a Santiago de Compostela per l’Anno Giubilare Giacobeo, Assisi per i festeggiamenti della Pasqua, Latina per l’80° anniversario della fondazione della città e del 110° anniversario della morte di S. Maria Goretti, San Giovanni Rotondo in occasione dell’ “Anno della Fede”, proclamato da Sua Santità Benedetto XVI, ed infine Montecassino, in ricordo dei 70 anni del bombardamento dell’Abbazia e dei 50 anni di nomina, da parte di Papa Paolo VI, di S. Benedetto Patrono d’Europa.
La sera del prossimo 25 aprile, inoltre, la Sacra Rappresentazione della Passione di Cristo sfilerà a Lourdes in edizione straordinaria, di fronte ad uno dei più importanti santuari cristiani del mondo. Ciò che più mi preme sottolineare è il sostegno costante e continuo dei miei concittadini all’Associazione della Passione di Cristo che cura l’organizzazione della manifestazione, a dimostrazione dell’affetto e dell’attaccamento a questo antico evento religioso.

La Passione del Venerdì Santo oggi si caratterizza per la forte partecipazione dei giovani, che negli anni è venuta a crescere sempre più. 
La Sacra Rappresentazione, grazie anche al lavoro svolto dal suo direttore artistico, Piero Formicuccia, ha saputo rinnovarsi nel tempo, divenendo il fiore all’occhiello della nostra comunità tanto da conferire a Sezze il titolo di Città della Passione. 
Rinnovo i miei ringraziamenti alle Istituzioni che con il loro contributo permettono la realizzazione di questo evento, al Presidente dell'Associazione della Passione di Cristo, Elio Magagnoli, e a tutti i componenti della stessa.
La mia stima più profonda è rivolta soprattutto agli attori e figuranti di Sezze, che con grande devozione contribuiscono a conservare questa bellissima e suggestiva manifestazione.

Il Sindaco del Comune di Sezze
Dott. Andrea Campoli